Cerca: Avvia Ricerca
Scheda tecnica
Superficie:
7.930 ettari

Province:
Bolzano

Cime rilevanti:
Sas Rigais (3.025 m)
Sas de Putia (2.875 m)
Col de Puez  (2.725 m)
Sassongher (2.665 m)
Col de la Soné (2.634 m)

Parchi:
Parco Naturale Puez-Odle				
Criteri di selezione

Perché le Puez-Odle sono state scelte come Patrimonio Unesco

Criterio estetico-paesaggistico

Sono ottimamente rappresentate le principali componenti della struttura del paesaggio: ampi basamenti, imponenti mantelli detritici, elementi strutturali orizzontali, grandi masse rocciose verticali. Possibilità di stilizzare queste forme in prismi e parallelepipedi.

Criterio geologico-geomorfologico

Elevata stratificazione. Alta geodiversità intrinseca ed estrinseca: tipico paesaggio dolomitico, con modellamenti dovuti al clima e ai movimenti strutturali.

Visita le Dolomiti

Puez - Odle

L’immagine tipica del paesaggio dolomitico

Le Odle, con al centro il profilo della Furchetta - fotografate dalla Val di Funes | Autore: Magico Veneto Le Puez - Odle sono il sesto dei novi gruppi dolomitici ad essere riconosciuti Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Tale zona si sviluppa esclusivamente in Alto Adige. Questo settore è ricco di particolarità geologiche che hanno dato vita ad un’enorme varietà paesaggistica.


A sinistra della foto, il Sass de Putia parzialmente avvolto dalle nuvole - fotografato dalla cima del Piz del Puez. | Autore: Club Aquile Rampanti Il sito delle Puez - Odle Patrimonio Unesco, il più a nord-ovest del Bene Dolomiti, è relativamente piccolo, interamente tutelato dal Parco Naturale Puez - Odle, e racchiuso tra la Val di Funes e la Valle Isarco a nord, la Val Badia ad est e la Val Gardena a sud. Il territorio può essere diviso in due grandi sezione: a nord dominano i possenti monoliti di dolomia, le frastagliate creste bianche e brillanti che si innalzano sopra pendii detritici e dolci praterie delle Odle di Eores, dove spicca il Sass de Putia – una scogliera isolata dalla possente mole - e le Odle di Funes con il Sas Rigais; mentre a sud, si sviluppa attorno al grigio e lunare Col de Puez, un ampio altopiano carsico, la Gardenaccia, puntellato di laghetti alpini, praterie e piramidi di rocce scure, come il caratteristico Col de la Soné.

Morfologia e geologia

Da un punto di vista morfologico, le Puez - Odle per la loro conformazione, ben rappresentano la struttura tipica del paesaggio dolomitico, con vette, guglie ed ampio pianoro carsico. Inoltre, su queste rocce sono ben visibili le modificazioni provocate dai cambiamenti climatici, dalle glaciazioni e dai fenomeni franosi tuttora presenti. Quasi assente invece la deformazione tettonica.

Da un punto di vista geologico, le Puez - Odle Patrimonio Unesco sono forse il sito più completo, qui infatti si può osservare l’intero processo di stratificazione che caratterizza le Dolomiti, dal periodo Permiano al Cretaceo: rocce vulcaniche, sedimenti, depositi, lagune e scogliere, bacini sottomarini, piani di marea, sprofondamenti del Giurassico e del Cretacico sono ampiamente descritti. Inoltre, il sito conserva importanti depositi di ammoniti, di conchiglie e di echinodermi.

Lo sapevate che...

Le cime del Gruppo delle Odle sono note anche come "montagne bianche".

Facebook
Twitter
Google+
X Questo sito utilizza Cookies propri e di terzi per offrirti la migliore esperienza di navigazione, secondo le tue preferenze. Se continui la navigazione o chiudi questo banner, accetti implicitamente il loro utilizzo. Per maggiori informazioni Privacy e Cookie Policy